Consorzio Tutela Vini DOC Friuli Aquileia



La zona di produzione dei vini DOC Friuli Aquileia si sviluppa in una fascia stretta e lunga che dall’antica città romana di Aquileia, passando per Cervignano del Friuli, raggiunge i bastioni della storica fortezza di Palmanova e prosegue fino a Trivignano Udinese.
Le caratteristiche pedoclimatiche di questa zona – terreni di natura prevalentemente argilloso sabbiosi, clima mite e ventilato grazie alla vicinanza del mare – si sono rivelate fin dall’antichità particolarmente adatte alla coltivazione della vite. La vocazione di questi terreni è infatti antichissima, come testimoniano i numerosi reperti di epoca romana quali anfore e bicchieri ritrovati ad Aquileia e dintorni. 
Aquileia è stata, fin dal periodo di Roma Repubblicana, zona di produzione, commercializzazione e consumo di vino. I vini prodotti in questa ansa di Adriatico hanno viaggiato in tutto il mondo conosciuto fin da 2000 anni fa. 
Al fine di tutelare, promuovere e valorizzare i vini DOC Friuli Aquileia, nel 1976 per volontà di un piccolo gruppo di viticultori si è costituito il Consorzio Tutela Vini DOC Friuli Aquileia che attualmente conta complessivamente una ventina di associati che coltivano una superficie di vigneto specializzato pari a 450 ettari.
Tra le varietà coltivate e i vini più significativi si cita il Refosco dal Peduncolo Rosso, il più nobile dei vitigni autoctoni friulani originario proprio di queste terre; si crede infatti sia il diretto discendente del tanto decantato Pucinum, il vino rosso preferito da Livia, seconda moglie dell’Imperatore Augusto. Particolare cura viene dedicata alla coltivazione e produzione dell’autoctono Friulano e dei vini bianchi aromatici, oramai storicamente presenti nel comprensorio agroaquileiese, come Sauvignon, Traminer aromatico e Malvasia istriana.

www.viniaquileia.it